La voglia di uscire

“La sessualità femminile appare come lo sforzo di un godimento avvolto nella propria contiguità per realizzarsi in gara col desiderio che la castrazione libera nel maschio”.

Lacan J., “Appunti direttivi per un Congresso sulla sessualità femminile”, Scritti, Einaudi, Torino, 2002, p. 732.

Nessuno è in paradiso per Lacan, neppure le donne, che egli considera piuttosto come imprigionate in sè stesse. Di conseguenza esse sono al lavoro per uscire da un godimento che le avvolge perchè non si localizza in un punto del loro corpo, ma lo prende tutto intero. Si direbbe che la celebre ingiunzione sadiana Ancora uno sforzo! sembri fatta per loro, no? La loro non è invidia del pene, ma voglia di realizzarsi in gara con il desiderio che la castrazione libera nell’uomo. Che cosa vuole una donna? Che il suo godimento si liberi diventando desiderio e meglio ancora, amore.